Thailandia – A spasso tra i templi e la natura del Nord e le isole del Sud

Il cibo, la cultura, la storia, le città, le spiagge: questo paese ha sicuramente tutto.

È estremamente facile visitare in termini di budget perché si adatta facilmente ad ogni tipo di tasca, dalle più vuote alle più piene.

La Thailandia – o Paese del Sorriso, come viene chiamato dai turisti – può essere vissuta immergendosi nella sua cultura più intima, visitando le montagne del Nord, oppure dedicandosi alle sue isole del Sud, che sono dei piccoli paradisi terrestri.

Una cosa importantissima, da non trascurare, è che purtroppo per via del turismo si è sviluppata molto la brutta abitudine di sfruttare gli animali per “compiacere” i turisti.

Io ho avuto la fortuna di visitare un parco di recupero per gli elefanti nel nord della Thailandia e sono rimasta (ancora una volta) scioccata dalla cattiveria che l’uomo può avere sugli animali per renderli letteralmente schiavi dei turisti, che a volte ignorano ciò che si nasconde veramente dietro un’attrazione.

Per cui no, non vi consiglierò mai di visitare un parco storico sul dorso di un elefante o di andare al tempio delle tigri per accarezzarne una. Piuttosto vi accompagnerò silenziosamente tra i templi che hanno reso questo Paese ciò che è oggi, vi guiderò tra i suoi mercatI vi suggerirò quali deliziosi piatti tradizionali assaggiare.

Di certo c’è che il punto di partenza sarà praticamente sempre Bangkok.

Bangkok

La capitale thailandese è un po’ come il caffè: o lo adori o lo odi. Non si può restare indifferenti.

Qualche giorno, seppur poco per scoprire una città così immensa, è necessario per avere un primo impatto con questa cultura così differente dalla nostra e per smaltire il fuso orario. È qui inoltre che imparerete l’arte della contrattazione con i venditori di strada o con gli spericolati autisti di tuk tuk.

Le zone sono talmente tanto differenti le une dalle altre che a volte vi sembrerà persino di trovarvi in un luogo totalmente diverso.

Khao San Road e Rambuttri sono imbottite di backpackers, ambulanti, bancarelle di cibo, negozi per i massaggi, negozi di tatuaggi e molto altro ancora. È qui che generalmente dormono tutti i viaggiatori zaino in spalla perché si trovano veramente tantissime pensioni a basso costo.

Il primo vero impatto con l’architettura e la fede tailandese lo potrete trovare al Grand Palace e in alcuni dei suoi templi, come il Wat Arun e Wat Phra Kaew.

Immancabile la visita agli infiniti mercati della città, l’energia e la follia che vi travolgerà qui è incredibile. Qualche esempio? Provate a visitare il mercato dei fiori, il Wang Lang Food Market e ovviamente il più grande mercato coperto al mondo, il mercato Chatuchak Week End Market.

Navigare lungo il fiume Chao Phraya vi farà scoprire la capitale da una prospettiva diversa, quasi più tranquilla e pacata.

Da Bangkok è facilmente raggiungibile Ayutthaya, la seconda capitale della Thailandia.

Perdersi tra le sue rovine storiche vi porterà via tutta la giornata ma ne varrà assolutamente la pena.

E dopo questo inizio non resta che decidere se dedicare del tempo al Nord o alle isole del Sud.

NORD DELLA THAILANDIA

Nel Nord –  per stare negli itinerari più battuti per una prima visita in Thailandia – immaginate di trascorrere una giornata intera in mezzo alle rovine di Sukhothai – la prima capitale del Paese. C’è molta storia e cultura in questa piccola città e vale sicuramente la pena trascorrere qui almeno una notte.

Da Sukhothai poi si raggiunge facilmente Chiang Mai, uno dei posti migliori per fare il pieno di templi.

Qui l’aria è più easy rispetto alla capitale ed il tempo sembra scorrere molto più lentamente.

Nella città vecchia sono racchiusi alcuni tra i templi importanti per la cultura locale e sono molto conosciuti dai turist perché ben segnalati sulle guide, ci sono alcune SPA fenomenali – per potervi rilassare dopo le lunghe camminate – ed un sacco di locali in cui mangiare o bere qualcosa.

La zona è anche molto conosciuta perché da qui si raggiunge facilmente un bellissimo parco in cui gli elefanti maltrattati e sfruttati trovano un riparo sicuro per una lenta riabilitazione alla vita normale.

La visita è molto emozionante, ve lo posso assicurare, e vi farà riflettere molto in caso abbiate mai avuto idea di fare una passeggiata sul dorso di uno di questi pachidermi.

Da Chiang Mai si può andare anche a Chiang Rai, rinomata per il suo famoso Wat Rong Khun o più comunemente conosciuto come Il Tempio Bianco. Come antitesi è presente qui anche il Baan Dam, una costruzione in stile più moderno dai colori scuri.

SUD DELLA THAILANDIA (ISOLE)

Se invece siete amanti del mare e delle spiagge e volete dedicarvi alle isole, allora preparatevi ad assaporare un po’ di tranquillità mixata con la giusta quantità di divertimento.

Le isole della Thailandia si dividono tra isole del Golfo della Thailandia e isole del Mare delle Andamane.

Le isole del Golfo più conosciute e frequentate sono Koh Samui, Koh Pha Nngan e Koh Tao.

Koh Samui è l’isola più grande delle tre e con i resort più esclusivi, tante spiagge e ogni tipo di comfort a cui siamo abituati; ci sono molti ristoranti, tanti alberghi e ed ovviamente molte spiagge da esplorare.

Anche se Koh Phangan è comunemente associata alle feste non-stop e al famoso Full Moon Party – il Party che si svolge nelle notti di luna piena, quando la musica, l’alcool ed il divertimento la fanno da padroni – ciò che molte persone non sanno è che c’è un lato altrettanto affascinante e tranquillo che il più delle volte è sottovalutato.

Koh Tao, che in Thai significa Isola della Tartaruga, è più piccola e meno sviluppata di Koh Samui e Koh Pha ngan. È un paradiso per chi ama le immersioni e per chi adora la tranquillità.

Un altro punto a suo favore è che si trova vicino all’isola Koh Nang Yuan, parco nazionale protetto con una bellissima collina dalla quale ammirare il panorama sottostante.

Sulla costa opposta troviamo invece le isole del Mare delle Andamane, dove non è facile scegliere cosa visitare.

Phuket è una tra le località più conosciute e offre spiagge da sogno e sistemazioni di ogni tipo, da quelle low budget ai moderni resort di lusso.

Krabi sta aumentando il suo successo di anno in anno, con bellissime lagune in cui fare escursioni.

Grazie a Leonardo Di Caprio e al film “The Beach”, le isole Koh Phi Phi non sono più un segreto ben custodito. La gente accorre sulla spiaggia per assicurarsi qualche minuto in paradiso ma oggi purtroppo trova solo una folla di barche e turisti da ogni angolo della Terra.

Ma le isole sono talmente tante in entrambi i lati – oltre a quelle già citate – che scegliere sarà veramente un’impresa ardua.

Una cosa però è certa: rimarrete estasiati da ciò che la

Contattami

Accetto le condizioni sul Trattamento dei dati personali